Myanmar: inviato Onu incontra capo giunta e Suu Kyi

2 Ott

YANGON (Reuters) – L’inviato dell’Onu Ibrahim Gambari ha incontrato oggi il capo supremo della giunta militare del Myanmar, Than Shwe, e la leader dell’opposizione Aung San Suu Kyi, al termine di una missione di quattro giorni per porre fine alla repressione militare contro la più grande protesta per la democrazia degli ultimi 20 anni nel paese del Sudest asiatico.

Dell’incontro con Than Shwe non è trapelato nulla, neanche dopo la partenza del diplomatico Onu per Singapore. Scopo di Gambari era quello di cercare di convincere l’anziano leader, 74 anni, di metter fine alla repressione e di aprire trattative con Suu Kyi.

Gambari incontrerà domani il primo ministro di Singapore Lee Hsien Loong, poi, come ha reso noto l’ufficio dell’Onu a Yangon, tornerà a New York per riferire al segretario generale delle Nazioni Unite.

In un comunicato, Gambari si è limitato a dire che ha incontrato Than Shwe e altri esponenti della giunta militare per “discutere dell’attuale situazione in Myanmar”.

Il comunicato dice anche che l’inviato dell’Onu ha incontrato Suu Kyi, senza però fornire dettagli.

Pur accettando di incontrare Gambari, i generali sembrano essere rimasti sordi finora agli appelli internazionali per ritirare truppe e polizia da Yangon, e porre fine ai raid delle bande filogovernative che setacciano le abitazioni in cerca di monaci e dissidenti.

“Passano da un appartamento all’altro gettando tutto a terra minacciando le persone. C’è un clima di terrore in tutta la città”, ha detto un esperto di Myanmar, residente a Bangkok, che ha molti amici a Yangon.

L’incaricato d’affari Usa Shari Villarosa ha detto a Reuters a telefono da Yangon che gli arresti continuano senza sosta.

“Abbiamo sentito che gli arresti sono continuati per tutta la notte, sino alle due del mattino. Abbiamo sentito che si tratta di militari. Non so chi li stia facendo ma c’è gente che va in giro nel pieno della notte portando via delle persone. La gente è terrorizzata. Questo governo mantiene il potere con la paura e l’intimidazione e stanno tentando di intimidire le persone perché si tengano lontane dalle strade”.

reuters

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...