PREMIO NOBEL PER LA PACE EX AEQUO AD AL GORE E IPCC

13 Ott

NEW YORK – La vendetta e’ un piatto al global warming: dopo aver vinto un Emmy per la televisione e un Oscar per le sue battaglie verdi, l’ex vicepresidente Al Gore, 59 anni, ha condiviso con il Comitato Intergovernativo dell’Onu per i Cambiamenti Climatici (Iccp, una rete di 2.000 scienziati) il premio Nobel piu’ ambito, quello per la Pace.

Il mutamento climatico ”e’ la piu’ grande sfida dell’umanita”’, ma e’ anche ”una grande opportunita”’ ha commentato l’ex numero due di Bill Clinton, che devolvera’ la sua meta’ del premio da 1,56 milioni di dollari alla fondazione bipartisan e no-profit Alliance for Climate Protection. A Palo Alto, in California, Gore si e’ presentato davanti alle telecamere ma non ha voluto rispondere alle domande dei giornalisti, eludendo quella che ogni reporter negli Usa avrebbe voluto porgli: usera’ la piattaforma del premio per candidarsi alla Casa Bianca?

Per Gore potrebbe essere una nuova vendetta: l’occasione per far fuori Hillary Clinton, con cui dai tempi dello scandalo Monica Lewinski non corre affatto buon sangue.

Il crescendo del Draft Gore Movement, il movimento di base per convincere il vincitore del voto popolare del 2000 a uscire dall’esilio politico con una raccolta forte finora di oltre da 136 mila firme, raggiungera’ probabilmente il suo apice alla vigilia del 2 novembre, scadenza ultima per entrare in gioco nelle primarie del New Hampshire. Ma le chance di un ingresso in pista sembrano minime: ”Gli ho chiesto tante di quelle volte di farlo che mi ha chiesto di smettere di chiamarlo”, ha detto l’ex presidente Jimmy Carter, vincitore di un premio Nobel per la Pace nel 2002.

Oggi, nel giorno dell’annuncio da Oslo, e’ stato negli Usa il giorno delle congratulazioni: al coro unanime dei democratici, guidato dall’antico boss Bill Clinton e dalla potenziale rivale e vecchia nemica Hillary, si e’ unita anche la Casa Bianca di George W. Bush con un indispettito: ”Gore sara’ felicissimo” e poi un fermo e secco: ”Noi non cambiamo rotta”.

E’ un piccolo paradosso della storia: nel giorno della rivincita di Gore, il rivale del 2000 che lo derideva col soprannome di ‘Ozone Man’ e’ al nadir della popolarita’, azzoppato oltre che dal naturale processo di senescenza dei presidenti americani a fine mandato, da scelte politiche impopolari in politica interna e sul fronte dell’effetto serra.

Bush aveva snobbato il discorso di Gore all’Onu e a fine settembre l’autore di ”Una scomoda verita”’ gli aveva chiesto di lanciare un nuovo Piano Marshall Globale per l’ambiente. Oggi il senso del Nobel – come si legge nella motivazione – e’ un riconoscimento che Gore ha fatto piu’ di ogni altro (con la sola eccezione di Madre Natura, ha notato il settimanale ‘Time’) per provocare una rivoluzione nel modo di pensare dell’opinione pubblica sulle misure che occorre adottare per fermare il global warming: una stragrande maggioranza di americani – il 90% dei democratici, l’80% degli indipendenti, il 60% dei repubblicani – e’ convinto che una ”azione immediata” sia necessaria per far fronte all’emergenza clima.

Che questa consapevolezza possa far da trampolino a una nuova corsa presidenziale in un campo dominato dalla front-runner (e antica rivale) Hillary Clinton e’ tutto da vedere. Fonti vicine a Gore hanno ribadito che l’ex vice di Bill Clinton non ha intenzione di candidarsi. ”Non lo fara”’, ha confermato ‘Time’, notando che entrando in gara ”Gore si brucerebbe una felicita’ conquistata a fatica, ed e’ ancora piu’ felice e realizzato adesso che i fatti gli hanno dato ragione”. Quanto e’ realistica una candidatura di Gore? Gli ostacoli pratici di mettere in piedi una macchina elettorale in questa fase avanzata della corsa sono molti. Ma per James Carville, ex stratega di Bill Clinton, c’e’ ”il 25 per cento” di possibilita’ che l’ex vice di Bill si rimetta in gioco e ”non e’ ancora troppo tardi”.

Ma ogni premio che passa per Gore e’ la conferma che ha fatto la scelta giusta a lasciare la politica attiva: ”Sara’ lui il kingmaker delle prossime elezioni”, ha pronosticato la sua ex collaboratrice Donna Brazile, che oggi e’ alla Cnn. E cosi’ il ‘New York Times’: ”Con la scelta del candidato a cui dara’ il suo appoggio, sara’ l’ago della bilancia della campagna”.

(di Alessandra Baldini)

Sarà, ma c’è qualcosa che non mi convince in quest’uomo, forse il mega concerto, che ha sguinzagliato fior di jet privati, in giro per il mondo con artisti vari, forseper l’energia utilizzata per fare il concerto, non lo sò, ma io di solito sono dubbioso quando un politico diventa Robin Hood

Technorati: , ,

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...